Pubblicato il Lascia un commento

1° ANALISI DEL BEAT: SCOMPOSIZIONE DI UN BEAT HIP HOP

Beat Hip Hop Underground Beatmaker italiani

Prima di cominciare: è vivamente consigliato guardare/ascoltare il Video in FULL HD.

Un Beatmaker che si rispetti, ma soprattutto un principiante, deve partire in primis dall’analisi accurata di ciò che vuole fare: un Beat. Ecco perchè ho deciso di iniziare una serie di articoli “Analisi” dei miei stessi Beats, nei quali “scomporre” ed appunto analizzare i Beats per capirne al meglio la struttura, i metodi utilizzati, i samples utilizzati per farlo, ecc. Perchè “i miei” Beats? Voglio solo farmi pubblicità?  La risposta è semplice. Parlo di ciò che conosco, possibilmente di ciò che conosco a fondo. Cosa conosco a fondo ? I MIEI Beats.

GENERE: Hip Hop/Underground Hip Hop.

BPM: 95.

SAMPLE: Chitarra classica “latineggiante”. (N.B No, MAI svelerò pubblicamente i miei samples come ogni Beatmaker che si rispetti. Se volete trovarlo, buona ricerca!).

PROCEDIMENTO:

– Sono partito dalla scelta del Sample. Una chitarra latineggiante suonata così bene e con un timbro così caldo l’ho sentita di rado, quindi il campionarla è stato un vero e proprio must. Ho choppato il sample su MPC2500. (Avrei potuto fare gli stessi tagli su qualsiasi software, quindi non apriamo discussioni del tipo “Ah ma tu usi l’MPC, facile campionare così“. Il processo è lo stesso.) Ho registrato la mia sequenza una volta trovato il loop che mi dava il sapore che cercavo.

DRUMS:

 3 layered (sovrapposizione! Ne parleremo in dettaglio prossimamente in tutorial dedicato) Kicks. (Nel video ne vedete solamente due di tracce KD (KickDrum, prendiamo confidenza con le abbreviazioni.) In realtà su una traccia sono già presenti 2 KD sovrapposti direttamente sull’MPC.

3 layered Snares (SD), o per l’esattezza, 2 SD e 1 RimShot. (L’intero processo definito layering ed utilizzato specialmente per le batterie verrà trattato, come anticipato, in un tutorial a parte. Potete già farvi un’idea di cosa parlo, per coloro che sono alle prime armi e non hanno mai sentito parlare di questa tecnica).

1 HH (HiHat) classico e 1 Open HH (HiHat aperto).

1 Crash ad inizio battuta, con 1 Delay che lo fa “risuonare” diverse volte. Il primo. quello reale, risulta pannato lievemente, quelli “prodotti” col delay risultano invece pannati (spostati nello spazio stereofonico!) Left e Right per dare un senso di movimento alla ritmica per non farla risultare piatta.

– BASS LINE: Ho suonato il basso con la tastiera Midi, filtrando poi il sample di chitarra classica per non fare “scontrare” le frequenze basse del sample con lo “spazio” necessario al basso per emergere nel Mix.

– STRINGS (Archi): Ho suonato gli archi, un ensamble precisamente, ovvero un assieme di archi (violini, violoncelli, viole, contrabbasso, ecc.) che accompagnano il campione per la durata intera del brano, molto lievi e compressi “sotto” al campione, per non togliergli spazio e importanza. Ho usato molto reverbero per questi, facendo in modo che si sedessero sul fondo del Mix, per non averli troppo “in faccia”. Non dovevano risultare portanti, ma di accompagnamento.

ORGANO VINTAGE: Suonato, aggiunge spessore e compie le stesse identiche note degli Strings. Entra nella quartina precedente al ritornello. Anche questo viene compresso in maniera relativamente pesante e spinto indietro nel mix.

RHODES: Suonati anche questi, uno lievemente pannato Left, uno molto pannato Left. Sono in realtà lo stesso identico Rhodes, ma ho processato i due in maniera diversa. Sul primo ho applicato un tremolo per farlo vibrare syncato alla batteria. Sul secondo ho applicato un distorsore: i Rhodes sono pianoforti elettrici che hanno fatto la storia degli anni ’70. Avere un rhodes “bello e pulito” è un controsenso. Presenti solo per arricchire il ritornello.

EL.GUITAR: Chitarra elettrica, suonata, distorta e con un tremolo syncato alla batteria. Pannata Right per bilanciare il peso del Rhodes pannato Left.

Il resto è… “solo mix e mastering”.

Il Beat “End of Story” potete ascoltarlo per intero sul mio sito ufficiale: www.basihiphop.it/Res

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *