Pubblicato il Lascia un commento

5° ANALISI DEL BEAT: SCOMPOSIZIONE DI UN BEAT HIP HOP

[youtube id=”UjGJPbXBvfY” width=”600″ height=”350″]

GENERE: Hip Hop/Classic Hip Hop

BPM: 90

STILE/INFLUENZE: Hip Hop/Underground/East Coast

PROCEDIMENTO: 

I samples vocali soul pitchati da sempre accompagnano gli MC nella loro esposizione dei testi. Quando fai scorrere un vinile sotto la puntina ed il giro melodico è “occupato” da una voce si hanno due alternative: lasciare perdere e guardare oltre in cerca di una melodia priva di voci e di batterie, oppure pitchare il tutto e sentire come ne escono modificate le voci e la melodia intera. Questo è uno di quei casi: ho pitchato con segno + e intuito da subito che ne sarebbe potuto uscire un’ottima base hip hop.

DRUMS

2 LAYERED KICKS: Se siete frequentatori di www.beatmaker.it  dovreste già sapere che difficilmente i miei kicks vengono “lasciati” da soli. Sono, come sapete, convinto che questi fatichino a trovare punch e spazio nel mix, specialmente se i samples scelti non sono industry-ready, ma sono campionati da vinili, CD vecchi ecc.  Una delle due casse ha punta sui 3,5 – 4Khz, la seconda è quasi una nota di basso tanto pitchata e “bassa”. Il difficile del Mix è stato riuscire a “separare” i kicks dal basso: quando vuoi tenere in evidenza il basso (come in questo caso) e la cassa ti piace cupa, può essere davvero complicato far suonar bene entrambe le cose!

 3 + LAYERED SNARES: Come sopra.. il Layering lo trovo fondamentale anche per lo Snare. Sulla traccia di Logic potete notare tre tracce diverse di Snares, ma in realtà una di quelle tracce è composta da 2 Snares sovrapposti e registrati assieme dall’MPC 2500, quindi potremmo dire che gli Snares sono 4. A volte è troppo sommare 4 Snares, altre volte può essere utile, bisogna ovviamente trattarlo poi a modo in mixaggio per evitare che sovrasti il resto, ma in questo caso ho esplicitamente voluto dare una grassezza in più allo snare, che non a caso esce prepotentemente nel mix.

HHs: A tratti un soffio acidi ma abbastanza naturali, la differenza in volume tra gli HiHats chiusi e quelli aperti è notevole, ma è volutamente così: ho voluto far sì che il piatto aperto venisse molto fuori e distraesse per un attimo dal riff melodico.

CHIMES: Breve e molto alto in frequenze, usato per creare un piccolo stacco tra strofa e ritornello.

GLASS FX: Non uso praticamente mai Loop o FX nei miei beats hip hop, ma ne riconosco l’efficacia. Il sample vocale dice “broke into my window”… Da lì ho preso l’idea di mettere nella base un suono che richiamasse le finestre che si infrangono.

BASS: Uno dei bassi che utilizzo maggiormente. Ho registrato un basso vero (No plugin/vst), suonato da me, all’interno del mio MPC 2500. In questo modo ho potuto risuonare con un feel Hip Hop (pestando sui pads del 2500!) la linea di basso che accompagna il sample. Le tracce di basso in realtà sono due in Logic: una è “pulita”, così come è stata registrata, una è amplificata, in modo tale da dare corpo al tutto.

La versione completa del Beat Hip Hop “Sun is Shining” sarà online su www.basihiphop.it/Res 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *