Pubblicato il Lascia un commento

Tutorials su Beatmaking e Mixaggio GRATUITI

tutorials gratis beatmaking hip hop

Beatmaking e Mixare Hip Hop | I miei Tutorials gratuiti

I mini video tutorials sul beatmaking ed a tema mixare hip hop postati su YouTube sul canale ufficiale Beatzunami non sono certamente all’altezza dei video tutorials completi che trovi nello Shop, ma sono stati certamente utilissimi a migliaia di beatmakers da tutta Italia.

Ecco quindi un “sommario” di 10 dei tutorials su beatmaking e sul mixare Hip Hop più visti ed apprezzati sul mio canale (iscriviti se vuoi rimanere aggiornato!).

[line]

  1. Il miglior plugin gratuito gratuito per mixare hip hop (e non solo). E’ forse un EQ, un compressore, un saturatore ? Niente di tutto questo. Eccoti il plugin che in assoluto reputo migliore in fase di mixaggio, se vuoi stare certo che i tuoi mix si comportino bene anche su casse consumer.
  2. 7 errori da evitare in Home Studio. Rapper o beatmaker, capita a tutti di fare certi errori banali che possono mettere a repentaglio i nostri ambiziosi risultati: grazie a questo video, eviterai di farli.
  3. 10 domande su Beatmaking e Mixaggio Hip Hop. Quante domande cui rispondo su questo video… da non perdere. Ecco come faccio a far pompare l’808, a mixare un beat prodotto con MPC, ecc. Affronto anche temi caldi come FL vs Logic, lo swing nei Beats, la vendita delle strumentali e davvero tanto altro.
  4. Akai MPC, modelli e differenze. Che differenze ci sono tra MPC 60 e 3000 ? Ed il 2000XL? Se sei un appassionato di MPC o vuoi approfondire l’argomento, questo video è davvero imperdibile. [line]Akai MPC 2500[line]
  5. Come pulire i Samples nei Beats Hip Hop. Ti sei mai ritrovato a tagliare un Sample per poi renderti conto che è sporchissimo? Troppo hum, troppo crackle, troppi rumori di sottofondo? Impara a toglierli con questo tutorial gratuito.
  6. Cosa serve ad un Beatmaker ? PC / Mac, Scheda audio, software, tastiera midi… Se hai qualche dubbio su cosa sia maggiormente importante, questo video fa al caso tuo.
  7. Come costruire pannelli acustici e bass traps. Un “must”! Quasi 40.000 views per questo video che è sfociato ad un pubblico ben più grande di quello prettamente Hip Hop. Vuoi migliorare l’acustica del tuo home studio ? Ecco come fare. [line]

    Bass Trap Pannello acustico
    Bass Trap fai da te creata per Home Studio.
  8. Kick Layering nei Beats Hip Hop. Ah.. il layering. Questo sconosciuto… Impara a “sommare” samples di cassa per tirar fuori un kick che davvero “tuoni” e guidi la tua strumentale hip hop.
  9. Come campionare con FL Studio.
  10. Come campionare con Logic ed EXS24. EXS24 è incomprensibile ? Solo se non hai ancora visto questo tutorial. Scopri come choppare in Logic, importare i singoli tagli su EXS24 e pitchare per poi risuonare i tuoi samples anche in stile Akai MPC. Da vedere. [line]
    EXS24 Sampler Logic
    EXS24, il fantastico campionatore di Logic.

    [line]

*BONUS: Sono certo che se ami il beatmaking e volevi informazioni sul mixare hip hop, anche questa guida completa al mastering in home studio può davvero tornarti utile.

Qual è il tutorial gratuito che ti è stato più utile ? Di cosa vorresti sentirmi parlare nei prossimi video ? Lascia un commento sul post!

 

Pubblicato il Lascia un commento

Come campionare con Maschine Tutorial

Maschine Studio Bianca

Maschine Tutorial italiano – Come campionare

Anche tu usi quello splendido ibrido software/hardware firmato Native Instruments e vuoi capire come campionare con Maschine?

Io, dopo anni di utilizzo e dopo averne scritto una approfondita recensione, la reputo una macchina ibrida davvero fantastica e completa per il beat making ma anche per mixare.

Ecco il tutorial in italiano: come campionare con Maschine una sorgente audio esterna, in questo caso in primis la mia stessa voce (tramite microfono a condensatore e scheda audio) e da vinile in secundis (tramite giradischi -> Mixer DJ -> Scheda audio).

Guarda il video per tutto il procedimento, e non dimenticarti di guardare il tutorial Maschine completo.

[line]

Come campionare con Maschine, guarda il video..

[line]

Ed ecco la splendida Maschine Studio versione black.

Come campionare con maschine tutorial ita

Vuoi imparare ad utilizzare la Maschine?

[line]

[button_1 text=”GUARDA%20IL%20VIDEO%20CORSO” text_size=”32″ text_color=”#000000″ text_bold=”Y” text_letter_spacing=”0″ subtext_panel=”N” text_shadow_panel=”Y” text_shadow_vertical=”1″ text_shadow_horizontal=”0″ text_shadow_color=”#008dff” text_shadow_blur=”0″ styling_width=”40″ styling_height=”30″ styling_border_color=”#000000″ styling_border_size=”1″ styling_border_radius=”6″ styling_border_opacity=”27″ styling_shine=”Y” styling_gradient_start_color=”#0059ff” styling_gradient_end_color=”#35b4ff” drop_shadow_panel=”Y” drop_shadow_vertical=”1″ drop_shadow_horizontal=”0″ drop_shadow_blur=”1″ drop_shadow_spread=”0″ drop_shadow_color=”#000000″ drop_shadow_opacity=”50″ inset_shadow_panel=”Y” inset_shadow_vertical=”0″ inset_shadow_horizontal=”0″ inset_shadow_blur=”0″ inset_shadow_spread=”1″ inset_shadow_color=”#006dff” inset_shadow_opacity=”50″ align=”center” href=”https://www.beatmaker.it/prodotto/maschine-tutorial-italiano/”/]

Campionare con Maschine è ormai per me un’attività quotidiana, dato che – a livello di campionamento – la reputo davvero tra le soluzioni migliori, al pari di EXS24.

Mi trovo particolarmente bene a campionare drum breaks per poi chopparli e risuonarli: in questo, la Maschine non ha davvero rivali, anche se mi viene piuttosto bene anche manipolare drum breaks con Flex ed EXS24 di Logic.

Pubblicato il Lascia un commento

Beatmakers: distinguiamone tre tipi..

Beatmaker.it Sito per Beatmakers

Beatmakers e “classificazioni”

I Beatmakers possono facilmente essere schierati in 3 tipi per metodo operativo (ovvero per approccio al Beatmaking stesso), con differenze non sottili tra una categoria e l’altra.

Spesse volte tra queste categorie c’è un qualche sorta di astio: i Beatmakers che utilizzano samples facilmente denigrano i Beatmakers che compongono in quanto “non vicini alle radici dell’Hip Hop”.

Altrettanto facilmente i Synth Based Beatmakers  reputano poco originali e troppo legati “al vecchio” i Sample Based Beatmakers.

Gli “ibridi”, invece, si trovano a metà strada tra le due categorie, in quanto utilizzatori di Sample E Synth. Ma vediamo le differenze più da vicino.

1) Sample Based Beatmaker:

Utilizzatori di Samples, tali Beatmakers fanno della ricerca del Sample una vera e propria arte. In quanto componente principale della parte melodica del Beat, la scelta del Sample risulta fondamentale.

Tale ricerca, secondo i migliori Beatmakers in circolazione, deve essere effettuata tra vecchi dischi in vinile (preferibilmente tra generi Soul/Funk, musica nera principalmente!), ma il concetto viene esteso a diversi altri generi (Rock su tutti gli altri) nel corso degli anni.

[line]

Akai MPC 60

[line]

Si è diffusa anche la ricerca tra CD audio e dal 2014-15 in poi anche la ricerca su Spotify ed altri servizi di streaming musicale, ma per chi vuole ottenere un sound puro Hip Hop, tale scelta è  sconsigliata.

Lo sporco, la polvere ed i graffi del vinile aiutano nell’intento di creare un Beat Hip Hop che abbia quel sapore vintage, e questo è innegabile.

(Ricollegandoci a sopra, motivo per cui diversi Synth Based Beatmakers di nuova generazione si oppongono a tale tipo di produzione).

A scanso di equivoci, il Sampled Based Beatmaker fa uso di samples, ma fa anche largo uso di samples creati da sè stesso, con originalità e creatività in quanto si approccia al Beat in maniera del tutto unica: ogni Beatmaker, oltretutto, sceglie come flippare il campione, come arrangiarlo, come adattarci un quadro di batteria attorno, e così via.

Sono innumerevoli i casi in cui lo stesso identico sample è stato utilizzati da noti Beatmakers in maniera del tutto diversa, con chops (tagli) tanto diversi da risultare quasi impossibile riconciliare il Beat al sample originale.

Questa categoria di Beatmaker non necessita (Nota Bene, non necessita, ma fa pur sempre comodo!) di nozioni riguardanti l’armonia musicale: l’approccio è basato sul semplice (ma funzionale) “mi suona bene“.

Tale approccio può risultare semplicistico, o banale, ma è proprio quel “mi suona bene” che differenzia un top Beatmaker da un Beatmaker alle prime armi.

Solitamente, se suona bene al top beatmaker, è facile che il Beat sia più che riuscito.

Viceversa, il “suona bene” di un Beatmaker alle prime armi può non avere lo stesso valore. E’ importante far notare come, aldilà di giudizi soggettivi, questo tipo di Beatmaking  risulti essere quello “più vicino all’Hip Hop” nella sua essenza più vera, ovvero nella sua essenza originaria.

[line]

2) Synth Based Beatmaker:

Spesso volgarmente conosciuto come “Original Beatmaker” (Termine offensivo verso il Sampled Base Beatmaker, che può essere più originale di un Synth Based Beatmakers anche se fa utilizzo di Samples!)  non fa utilizzo di Samples (N.B Samples intesi come riff/melodie tagliate da dischi in vinili/CD ecc., non come Samples interni delle DAW o di Tastiere, Synth, Expanders ecc.).

[line]

Virtual Instruments per Trap EDM

[line]

Basa i propri Beats sulla composizione della melodia e di tutti gli arrangiamenti.

Tra questi, va’ detto che sono enormi le differenze tra i Synth Based Beatmakers. Alcuni generi della nuova generazione quali Trap Music, Crunk Music, Dirty South ecc. (Resi noti da artisti come Lil Jon, Young Jeezy, Ludacris, ed innumerevoli altri) non richiedono particolari abilità compositive e conoscenze musicali ed armoniche.

Un Synth based Beatmaker, difatti, può certamente creare un Beat interamente suonato basato su di un loop semplicissimo, formato anche solo da una progressione di due accordi.

Rimane un approccio più musicale (nel termine puramente tecnico!) rispetto al Sampled Base, e può evolversi fino a vere e proprie composizioni musicali basati su più complessi arrangiamenti, bridge con cambi di tonalità, ecc.

Come spesso accade nel Pop-Rap: ebbene si, il Pop richiede conoscenze musicali che difficilmente un Sampled Based Beatmaker possiede, e difficilmente riuscirebbe a produrre.

E’ importante far notare che comporre Ra Beats con l’utilizzo di Synth non rappresenta in alcun modo una qualche sorta di evoluzione del genere: al momento della nascita dell’intero movimento Hip Hop i sintetizzatori erano già in utilizzo dalla maggioranza dei generi musicali della tradizione occidentale!

In alcun modo un Synth in sè stesso risulta quindi “innovativo”.

[line]

3) Beatmakers ibridi:

Il metodo più diffuso di tutti, include il campionamento e l’utilizzo di Synth.

Metodo più creativo ed inclusivo, in quanto lascia aperte più strade rispetto agli altri metodi, e lascia spazio ad una maggiore creatività  in quanto non ci si prefissa un approccio ben preciso e determinato.

[line]

Beatmaking Apple Logic

[line]

Un sampled Based Beatmaker ha come atto primario della produzione di un Beat la ricerca del sample, quindi, sul nascere “blocca” altre possibilità, così come un Synth Based Beatmaker comincia dall’idea melodica che si è fatto, ben sapendo che non utilizzerà sample alcuno.

Questa categoria solitamente è quella maggiormente aperta all’Hip Hop in senso lato: non denigra l’utilizzo di samples, così come non disprezza l’utilizzo di Sei migliori synth per produrre.

Va’ detto che una pecca di tale approccio può essere la sindrome dellover-beatmaking (passatemi il termine!).

Non avendo limiti ben precisi, è spesse volte facile aggiungere, aggiungere ed ancora aggiungere suoni, stabs, riffs, melodie, contromelodie e così via, perdendo di vista la melodia principale ed iniziale e sovraccaricando il Beat in maniera del tutto inutile (se fatto in malomodo!).

[line]

Conclusione:

Come considerazione finale è fondamentale far notare che non esiste un approccio “migliore” rispetto ad un altro: a seconda del sound ricercato, ogni Beatmaker o aspirante Beatmaker può fare in totale libertà la sua scelta.

Si potrà sempre cambiare approccio nel corso degli anni, come accaduto per quasi tutti i più grandi Beatmakers della storia.

[line]

Scopri tutti i miei video corsi sul Beatmaking Hip Hop.

 

Pubblicato il 1 commento

Come campionare con Logic ed EXS24

Come campionare un suono o un sample con Exs24 in Logic

Scopri come campionare con Logic una canzone utilizzando il Sampler dal potenziale incredibile Exs24 di Logic stesso.

Nel video, datato ma pur sempre attuale, imparerai a campionare un suono ed una canzone con Logic.

Come campionare con Logic, guarda il video..

[line]

[line]

Campionare per creare basi rap, il Video Corso

Impara a campionare e creare basi rap con il Video Corso sul Beatmaking Hip Hop.

Campionare con Logic in stile Akai MPC

Nel video tutorial imparerai come campionare un suono con Logic e l’EXS24, utilizzato per campionare un suono e pitchare il sample !

Campionamento di una canzone Soul, choppata ed importata su EXS24 (Sampler di Logic) per poterla risuonare con controller Midi in pieno stile Akai Mpc.

Choppare e campionare li reputo un’Arte a sè. Concentratevi e perdeteci tempo nel scegliere i tagli migliori, privarli di click, e suonate la sequenza che vi risulta migliore dopo svariati tentativi.

Trovate anche un mio articolo ed annesso video in cui parlo proprio della famosa serie Akai MPC a questo link, in cui approfondisco le maggiori differenze tra i diversi modelli Akai MPC, in quanto diverse cose li accomuna, ma al tempo stesso differiscono per alcune cose come Sound e Swing.

Campionare e produrre con Akai MPC

Vi ricordo che è anche disponibile il mio video corso sul produrre Beats con Akai MPC, in questo caso Akai MPC 2500, ma non temete: diverse cose sono comuni a più o meno tutti gli MPC, dal 500 al 5000.

Non hai una Akai MPC e neppure Logic?

[line]

Come campionare un suono con software:

[line]

Akai MPC – I miei Beatmaking Video in cui campiono

Essendo i tutorials solo una parte della mia attività come Beatmaker, ovviamente, ci tenevo a mostrarti anche un paio di video in cui puoi brevemente vedermi all’opera proprio su Akai MPC 2500.

Buona visione, e ricordati di iscriverti al canale Beatzunami se apprezzi i miei beatmaking videos ed i tutorials!

Pubblicato il 5 commenti

L’arte del Campionare (7 Drum Breaks storici nell’Hip Hop)

Campionare drum breaks

Campionare musica e drum breaks per produrre Hip Hop

Campionare è un Arte. Infiniti dibattiti sull’etica del campionamento: se questo sia “giusto” o “sbagliato” nei confronti dell’artista campionato. Ma una cosa è sicura: campionare è un’Arte a sè, che va’ oltre al Beatmaking stesso ed al fare musica.

I beat makers hip hop campionavano dai tempi dell’Akai MPC 60 e dell’EMU SP1200, e lo fanno ancora oggi grazie ai samplers digitali (scopri come campionare con l’EXS24 di Apple Logic) o con la tanto amata (e odiata da Akai, la rivale) Maschine e quelli analogici come la nuovissima Akai MPC X.

Ecco una lista da me selezionata di Drum Breaks storici da tenere come punto di riferimento e da… campionare, loopare, choppare!

N.B I Video sono per puro scopo illustrativo: mi auguro a nessuno salga in mente l’idea di campionare da YouTube con una più che evidente pessima resa sonora.

JAMES BROWN – FUNKY DRUMMER

Storico brano di James Brown,  drum break (tra i più famosi in assoluto) campionato da innumerevoli Beatmakers.

 MONK HIGGINS – ONE MAN BAND

Un’incredibile strumentista in un classico jazz/blues. N.B Non aspettatevi il drum break ad inizio canzone.. Ascoltate a fondo, cosa che tante volte i beat makers dimenticano di fare perdendosi i samples più sconosciuti ed a volte.. i più belli!

FUNK INC – KOOL IS BACK 

Un altro classico, drum break breve ma con uno snare reverberato davvero funky! Sapresti riconoscere in quali canzoni hip hop è stato utilizzato come Samples per il background ritmico?


DUKE WILLIAMS – CHINESE CHICKEN

Ecco uno dei miei preferiti in assoluto, drum break con uno snare roll davvero fantastico.

ISLEY BROTHERS – FOOTSTEPS

Laidback drum break, più famoso per il campione intero preso per “It Was a Good Day – Ice Cube”, ma il drum break stesso iniziale è decisamente un sample a sè cui tenere conto se stai pensando di campionare batterie per il tuo prossimo beat hip hop.

SKULL SNAPS – IT’S A NEW DAY

Più Hip Hop di così può esserlo un drum break ? Un must da campionare.

THE WINSTONS – AMEN BROTHER (SUGGERITO DA AVON)

Questi sono solo alcuni dei Drum Breaks più famosi ed utilizzati in ambiente Hip Hop. Non sono in ordine di importanza, tantomeno sono “tutti” i più usati. Aggiungerò altri drum breaks segnalati da utenti ! Potete postarli qui sotto e li aggiungerò al post con vostra segnalazione!

Beatmaker.it è una comunità.

 

Pubblicato il Lascia un commento

Campionare un Riff di Chitarra suonato da noi – Sampling originale

Campionare è alla base del Beatmaking. Innumerevoli discussioni riguardanti questo tema si possono trovare in qualsiasi forum Hip Hop, anche qui in Italia. Per alcuni solo ed unico tipo di produzione Hip Hop, quello “classico”, per altri mancanza di originalità, capacità musicali, ecc. Come fare allora per avere un suono tipico Hip Hop, vecchio stile, senza “peccare di originalità” ? E’ semplice. Campionando qualcosa suonato da noi!

Il metodo è semplice.

– Con il nostro editor midi/piano roll, oppure, per chi ne fosse in grado e ne avesse una, con la chitarra elettrica in presa diretta suoniamo un riff, semplice o complesso che sia. Col piano roll possiamo “disegnare” un pattern di note molto velocemente.

Chitarra Elettrica

Duplichiamo il Riff suonato e nominiamo il primo come Riff sorgente, per poter tornare sui nostri passi nel caso non riuscissimo ad ottenere i risultati voluti nel nostro proseguimento. (Lasciandoci la possibilità di sperimentare in seguito altri amplificatori, FX, ecc)

Amplifichiamo sul nostro Software il Riff con un Plugin dedicato all’amplificazione (tra i più noti citiamo IK Multimedia AmpliTube, GTR Waves, Guitar Rig, oltre agli Amp nativi dei sequencer stessi)

Plugin Amplificatore Chitarra

Aggiungiamo un Reverbero di media lunghezza al riff suonato ed equalizziamo fino ad ottenere il sound voluto.

Facciamo l’export audio (Bounce) nella massima risoluzione a noi consentita (Wav a 16 o 24 Bit) della versione amplificata del nostro Riff, per poi importarlo nuovamente nel nostro sequencer (oppure nel nostro campionatore hardware come MPC ecc.)

– Ora possiamo procedere a choppare”  (tagliare) il nostro campione creato di chitarra amplificata, decidendo di risuonare con un qualsiasi campionatore (EXS24 in Logic per esempio) gli slices (i tagli) a nostro piacimento ! (Possiamo oltretutto Pitchare, verso l’alto o verso il basso, e provare innumerevoli altri effetti interni al nostro campionatore stesso).

– Una volta trovata la seguenza che più ci aggrada, registriamola, e possiamo passare alla stesura delle batterie che meglio si adeguano al nostro sample.

Campionare la chitarra, 100% Royalty Free

Questo è un metodo semplice e veloce per campionare, ottenendo un sound tipico Hip Hop, un sample creato da noi, e quindi sicuramente originale, non rischiando mai di incorrere in commenti del tipo “Quel campione è già stato utilizzato!”. Questo metodo ovviamente può essere utilizzato per qualsiasi strumento: si possono infatti creare Riffs di Sax, Piano, ed altro ancora. Il limite è l’immaginazione!

Buon campionamento originale!